Conservare la Farina: Suggerimenti e Consigli Utili

Con l’avvicinarsi del caldo e della bella stagione torna prepotentemente a farsi largo la questione del mantenimento delle farine.

Durante il periodo invernale, le basse temperature e la scarsa umidità permettono infatti di conservare meglio e più facilmente i diversi prodotti.

Le farine più pregiate solitamente sono più soggette all’insediarsi di muffe e farfalline sia per il tipo di processo tramite il quale vengono realizzate che per la mancanza di conservanti. Per ovviare a questi problemi, tanti produttori di farine si sono affidati a macchinari di imballaggio sottovuoto o ad atmosfera protetta per prolungare la vita media della farina, a discapito in alcuni casi della qualità della stessa.

Ed ecco allora alcuni consigli pratici e comodi per una corretta conservazione della farina.

  • Per prima cosa, scegliete un luogo adatto alla conservazione di questi alimenti, in cui la temperatura non sia né troppo calda ( > 25°C) né troppo fredda (< 10°C) e in cui l’umidità sia ad un valore medio. In questo modo si riesce ad evitare in un caso (umidità eccessiva) il formarsi di muffe e nell’altro caso (umidità troppo bassa, ambiente asciutto e freddo) il pregiudicarsi delle prestazioni dello sfarinato.
  • Utilizzate contenitori ermetici, per evitare le infiltrazione di umidità e di altri agenti esterni.
  • Aggiungete agli sfarinati delle erbe repellenti
  • Evitate, infine, la vicinanza con prodotti caratterizzati da odori particolarmente forti. Questo perché la farina agisce come una spugna di sapori e profumi.

CONDIVIDI SUI SOCIAL!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

potrebbe anche interessarti